Ricerca di quadri e dirigenti: come affrontarla

ricerca-quadri-dirigenti

Ci sono dei processi di selezione personale particolarmente delicati. Certo, tutte le volte che si seleziona e si assume una nuova risorsa si fa un investimento, che può andare in diversi modi, in base a come è stata condotta l’attività di reclutamento, dalla scrematura dei curricula fino ai colloqui di lavoro. Ma la faccenda diventa ancora più complessa nel momento in cui ci si cimenta nella ricerca di quadri e dirigenti, e quindi nel reclutamento di figure che avranno in mano il destino stesso dell’azienda.

Vale la pena approfondire quelle che sono le possibilità e le pratiche percorribili quando si parla di ricerca di quadri e dirigenti, per incrementare le possibilità di individuare il profilo giusto per la propria azienda.

Ricerca di quadri: selezionare una risorsa interna

In certi casi, questa è la via più naturale: anziché avviare un processo di ricerca e selezione del personale, pubblicando quindi un annuncio di lavoro per cercare un talento all’esterno dell’azienda, si procede cercando all’interno dell’organico già esistente una figura in grado di ricoprire il ruolo dirigenziale. Non sempre, però questa via è concretamente percorribile. Talvolta non esistono internamente le competenze – tenendo conto di hard skill e di soft skill – necessarie per ricoprire in modo efficace il ruolo ricercato.

Altre volte, nonostante la presenza di profili che potrebbero essere promossi al ruolo dirigenziale, la selezione di una risorsa interna può essere bocciata per altri motivi. Molte aziende decidono di rivolgersi all’esterno per la ricerca di quadri e dirigenti così da non creare scompiglio all’interno dell’azienda. Questo perché la promozione di una figura interna ai più alti ranghi dell’impresa potrebbe dare il via a dei processi difficilmente controllabili, tra cui l’invidia dei colleghi parigrado scartati. Non è tutto qui. Nel momento in cui una figura interna viene scelta per ricoprire il ruolo di dirigente o di quadro si potrebbe dare l’idea di una sorta di automatismo, con diverse conseguenze possibili. Certo, la dimostrazione concreta di grandi possibilità di carriera interna può essere un incentivo di grande valore per aumentare la produttività ma può anche determinare una competizione interna che, in taluni casi, può sfociare in conflittualità.

E ancora: un candidato interno partirà avvantaggiato rispetto a un ipotetico candidato proveniente dall’esterno, conoscendo le dinamiche, le politiche, i clienti e i colleghi dell’azienda. D’altra parte, un candidato esterno potrà portare punti di vista inediti, senza essere “bloccato” all’interno di schemi prestabiliti.

Selezione di figure dirigenziali: alcuni consigli

Ipotizziamo che un’azienda decida di procedere con la ricerca di quadri e di dirigenti all’esterno dell’azienda. Come è possibile individuare il “capitano” giusto, il dirigente che sarà in grado di portare al successo l’azienda? Quali sono le domande che, in sede di colloquio di lavoro, possono mostrare quelle che sono le reali capacità del candidato?

Senz’altro è necessario andare oltre il curriculum vitae. Ed è obbligatorio essere in grado di guardare più al futuro che al passato. Se infatti in passato il fatto di ritrovarsi di fronte a un dirigente che aveva fatto bene in un’altra azienda simile nei 5 anni precedenti poteva essere già di per sé un ottimo punto di partenza, questo dato può voler dire molto meno oggigiorno, ora che le imprese, i clienti, le tecnologie e i mercati cambiano in modo estremamente rapido. L’eccellenza può trasformarsi in mediocrità in pochi anni.

Anche per questo è essenziale scoprire l’uomo dietro al professionista: durante il colloquio – meglio, durante i colloqui – è dunque fondamentale capire come sono i candidati fuori dall’ufficio. Facendo diversamente, si rischia di sprecare buona parte delle job interview, finendo per domandare quello che già si conosce – quello riportato nei cv. Ecco quindi che diventano preziose le domande in grado di spiazzare e mettere in difficoltà il candidato, costringendolo a venire allo scoperto: «Perché non dovremmo assumerla?», «Quali sono i più grandi errori che ha commesso negli ultimi cinque anni?» o ancora «In una scala da 1 a 100, quanto è soddisfatto della persona che è oggi, rispetto a quello che vorrebbe essere?»

Ricerca di quadri e dirigenti: perché affidarsi a un head hunter

Come detto all’inizio, la ricerca di quadri e dirigenti è un’attività molto delicata: un singolo, piccolo errore di valutazione può compromettere gravemente la salute dell’azienda. Per questo è consigliabile approfittare di un supporto specialistico, in modo da poter procedere con maggiori garanzie verso l’individuazione del migliore talento.

Partendo dal presupposto per cui solamente le agenzie autorizzate dal Ministero del Lavoro ai sensi del D. Lgs. 276/2003 possono svolgere attività di ricerca e selezione di personale, è bene scegliere un’agenzia di cacciatori di teste specializzata nella selezione di dirigenti. Bisogna infatti sottolineare che non tutte le agenzie di recruiting si occupano della ricerca di quadri e dirigenti: in molti casi, infatti, il servizio di ricerca e selezione di personale è limitato a profili di profilo medio-basso.

Prima di affidare a un’agenzia di head hunting un incarico per la selezione di dirigenti è necessario appurare che al suo interno vi siano dei cacciatori di teste effettivamente esperti nella ricerca di quadri e di figure manageriali. Le attività di reclutamento non andrebbero mai improvvisate, a maggior ragione quando si tratta di ruoli dirigenziali.

Una volta scelto, il cacciatore di teste specializzato nell’head hunting di dirigenti si confronterà con l’azienda per stabilire nel dettaglio il tipo di profilo ricercato, circoscrivendo competenze, soft skill, responsabilità, esperienze necessarie e via dicendo. A questo punto si procederà con la creazione dell’annuncio di lavoro, e quindi con la ricerca del miglior candidato, potendo contare sull’estesa rete di contatti qualificati che solo una società di selezione di personale di alto profilo può vantare.

La società di head hunting Adami&Associati può contare su esperti head hunter con lunga esperienza nella ricerca di quadri e dirigenti: compilate il nostro modulo di richiesta, e un nostro consulente vi contatterà entro 24 ore consigliando il cacciatore di teste più adatto in base alle vostre esigenze.

Vuoi maggiori informazioni?
I nostri consulenti sono a tua disposizione
Contattaci
  • Condividi