Il Group Assessment è una delle ultime strategie che vengono messe in atto da chi si occupa di risorse umane al fine di valutare le risorse attraverso i loro comportamenti in gruppo, le abilità individuali, le competenze e le attitudini. 

Grazie a questo sistema, l’azienda è in grado di avere una visione più a 360 gradi del candidato che ha di fronte poiché riesce ad individuare il suo carattere e i suoi comportamenti all’interno di un contesto sociale. E quest’ultimo è un aspetto fondamentale da valutare, soprattutto se il potenziale dipendente dovrà essere inserito all’interno di un team.

Come si svolge il Group Assessment?

Durante il Group Assessment il candidato viene messo a confronto con altri aspiranti dipendenti. Le prove durano circa 4 ore e in questo lasso di tempo ai partecipanti vengono proposti sia simulazioni da svolgere in gruppo, che test individuali. 

L’incontro generalmente inizia con una breve auto-presentazione di tutti i presenti. Durante questa prima fase il recruiter terrà in considerazione sia la creatività che lo spirito di iniziativa e le doti comunicative della persona. 

In seguito si passa alle prove di gruppo. In occasione di questa seconda fase i candidati si devono immedesimare in possibili situazioni che potrebbero avvenire all’interno del contesto lavorativo, ma anche in ambito extra-professionale. 

Una volta terminate le esercitazioni, tuttavia, ogni aspirante neo assunto ha la possibilità di raccontare le proprie esperienze lavorative attraverso un colloquio individuale con l’addetto alle risorse umane.

Autopresentazione

L’autopresentazione è la prima delle prove proposte ai presenti durante il Group Assessment. I candidati dovranno parlare di sé seguendo una traccia guida uguale per tutti. Questo momento permette di creare un’atmosfera più distesa e volta alla conoscenza reciproca.

Dinamiche di gruppo

Si tratta di esercizi che prevedono la suddivisione dei presenti in gruppi di lavoro. Il loro obiettivo è quello di risolvere un problema o svolgere un compito entro un limite di tempo. I membri del team devono confrontarsi tra loro al fine di trovare una soluzione.

Role Play

In questa fase del Group Assessment l’head hunter ha l’obiettivo di creare la simulazione di una situazione per valutare il carattere e i comportamenti dei candidati. I due contesti più utilizzati in questa occasione sono la telefonata e il confronto faccia a faccia. In entrambi al potenziale dipendente viene chiesto di ottenere un determinato risultato.

In tray

Questa prova prevede la simulazione di una circostanza problematica che può essersi creata sia in un contesto organizzativo che aziendale. In questo caso, non viene richiesta al candidato una competenza tecnica specifica. Viene valutato, piuttosto, il suo spirito manageriale e la sua creatività nel problem solving

In basket

Durante questa specifica prova proposta durante il Group Assessment, al candidato verrà chiesto di simulare una situazione aziendale che prevede la sostituzione di un collega (generalmente si tratta di un superiore) con un minimo di preavviso. Nel corso del test l’aspirante lavoratore dovrà dimostrare la sua capacità di adattamento nel risolvere problematiche di vario genere, tra cui interfacciarsi con i colleghi e rispondere alle mail.

Le valutazioni pre-Group Assessment

Prima di convocare i candidati per un colloquio di gruppo, generalmente l’azienda richiede ai potenziali dipendenti la compilazione di alcuni questionari. Grazie a questi strumenti, infatti, il recruiter ha la possibilità di valutare le propensioni degli aspiranti lavoratori riguardo al ragionamento verbale, numerico ed astratto. Ma anche le varie competenze in ambito informatico, la conoscenza di una lingua straniera e le aspirazioni.

In genere i test per la valutazione delle competenze tecniche del professionista vengono fatte prima e servono per identificare se il candidato abbia le potenzialità richieste dall’azienda per quel determinato ruolo.

Come fare buona impressione

Come si può fare una buona impressione durante un Group Assessment? Ecco alcuni consigli utili che possono aiutare il candidato a distinguersi positivamente rispetto a tutti gli altri presenti.

L’abbigliamento

L’outfit che si sceglie di indossare durante un colloquio di gruppo è fondamentale per rappresentare sé stessi al meglio. Non esiste un dress code uguale per tutti i Group Assessment: ogni azienda ha il proprio stile, così come il ruolo che il potenziale dipendente andrà a ricoprire. 

In questi casi puntare sulla formalità e sulla sobrietà possono essere utili a dimostrarsi professionali. L’arma vincente, però, è quella di informarsi prima sul tipo di ambiente dell’azienda in questione.

Studiare il sito aziendale

Studiare il sito aziendale istituzionale è un’ottima strategia che permette al candidato di presentarsi il giorno del Group Assessment ben preparato. Sia sulle domande che gli potrebbero essere rivolte dal recruiter, che sugli eventuali contesti da simulare durante le prove. 

La puntualità

Presentarsi puntuali in occasione di un colloquio di gruppo è sicuramente un punto a favore del candidato. Durante queste occasione, infatti, i presenti non possono iniziare le prove finché non saranno arrivati tutti.

L’attenzione alle tempistiche, però, non deve essere considerata solo in termini di orario di arrivo. Nel corso di ogni singola esercitazione, infatti, il recruiter fornisce al gruppo di lavoro un compito da svolgere entro un lasso di tempo. Il rispetto di questo limite verrà sicuramente riconosciuto come un punto a favore. 

Essere partecipi e propositivi

In occasione dei Group Assessment i selezionatori hanno la necessità di valutare i candidati attraverso i loro comportamenti sociali e le loro competenze. Di conseguenza, se uno dei presenti dovesse risultare piuttosto taciturno e poco coinvolto, l’esito della prova non potrà che essere negativo.

Durante queste esercitazioni, i potenziali dipendenti dovrebbero mettere in mostra le proprie capacità e competenze, partecipando attivamente alle prove e dimostrando il proprio interesse nei confronti di questa opportunità.

Portare con sé un cv aggiornato

Durante i colloqui di gruppo viene spesso richiesto ai partecipanti di portare con sé un cv aggiornato. E’ consigliabile, quindi, tenere a portata di mano il documento con tutti i dettagli della propria carriera ben definiti, in modo da dimostrarsi pronti ad ogni evenienza. 

Da non dimenticare, infine, che spesso le aziende richiedono di compilare un curriculum ex novo ai partecipanti del Group Assessment. Avere il proprio con sé permetterà al potenziale dipendente di non dimenticare nessun dettaglio.

 

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

I nostri consulenti sono a tua disposizione

COSA DICONO DI NOI

Ultimi articoli