I migliori strumenti per il personal branding

19/08/2020 | News
strumenti-per-fare-personal-branding

Negli ultimi anni si è parlato in modo sempre più insistente di personal branding, e quindi della costruzione e della promozione del proprio brand personale. Il concetto che sta alla base di questa ampia gamma di attività è piuttosto intuitivo: così come le varie aziende creano e curano nel tempo il proprio brand, per essere riconoscibili agli occhi dei clienti e per riuscire a svettare sopra gli altri, anche i singoli professionisti possono creare il proprio piccolo marchio, il proprio brand, in modo da potersi presentare al meglio. Fare personal branding vuol dire quindi promuovere sé stessi mediante la promozione del proprio brand, presentando al pubblico le proprie capacità e le proprie competenze, per posizionarsi nella mente del consumatore – che, nel caso dei professionisti che desiderano fare carriera, è costituito dagli head hunter o dai potenziali datori di lavoro. Oggi vedremo insieme quelli che sono i migliori strumenti per il personal branding, alla portata di tutti.

Perché costruire un brand personale

Ci sono tanti motivi che possono spingere una persona a concentrarsi sul proprio personal brand. Solitamente si associa questo insieme di attività all’imprenditore, allo startupper, al freelance, che promuovendo sé stesso promuove in realtà la propria azienda. È però andata crescendo la consapevolezza che il personal branding non è un interesse dei soli imprenditori, ma che anzi deve interessare anche i dipendenti, e quindi i lavoratori che desiderano fare carriera, aspirando alle migliori posizioni nelle migliori aziende. Per svettare all’interno del mercato del lavoro, infatti, è fondamentale curare il proprio brand, per esaltare il proprio messaggio, e con esso il proprio profilo. Personal-branding-strategieDovrebbe curare il proprio personal brand chi è alla ricerca di un nuovo lavoro, e dovrebbe farlo anche il neolaureato che, fresco di studi, deve presentarsi al meglio al mondo delle imprese e delle agenzie di recruiting. Non è tutto qui: anche chi non è alla ricerca attiva di un nuovo lavoro dovrebbe investire un po’ di tempo e di energie nell’utilizzo dei migliori strumenti del personal branding, un po’ per non chiudere nessuna porta, un po’ per sottolineare il proprio valore agli occhi dei vertici aziendali, un po’ perché la stessa azienda può crescere insieme ai brand personali dei propri dipendenti.

Quali sono, quindi, i migliori strumenti per fare personal branding?

I migliori strumenti per fare personal branding

1. Analisi Swot
Il primo tra gli strumenti per fare personal branding non è, come si potrebbe pensare, un tool digitale, né un social network. Si tratta invece di uno strumento di pianificazione strategica, di un “compito” che tutti dovrebbero fare prima di costruire il proprio personal brand. Molto probabilmente hai già sentito parlare della matrice Swot: si tratta di fatto di uno schema che aiuta a valutare i singoli punti di forza, le debolezze, le opportunità e le minacce che orbitano intorno al tuo personal brand. Affrontando l’analisi Swot del tuo personal brand saprai quindi quali sono i tuoi punti di forza, e quindi le caratteristiche da esaltare per raggiungere i tuoi obiettivi; conoscerai i tuoi punti deboli, e quindi gli aspetti da tenere in considerazione per non fallire; e valuterai le condizioni esterne positive e negative, per pianificare al meglio il tuo percorso. Solo quando avrai raccolto e analizzato tutti questi dati potrai procedere con gli strumenti “operativi” per fare personal branding.

2. WordPress
Tutti conoscono WordPress: si tratta di un content management system che permette a tutti, senza delle competenze particolari di partenza, di creare un sito web o un blog personale. WordPress è il più famoso e il più utilizzato dei CMS, ma ne esistono anche altri. L’importante, in ogni caso, è sapere che per costruire un brand personale solido e completo è necessario poter contare su un punto centrale, su una base d’appoggio online in cui far convergere tutti i propri canali di comunicazione (social, forum e via dicendo): questo non può essere altro che un sito web, meglio ancora se affiancato da un blog, da arricchire con contenuti tesi a dimostrare le proprie competenze professionali.

3. LinkedIn
Pensare di poter costruire un efficace brand senza l’utilizzo dei social media è ormai semplicemente impossibile. LinkedIn è il social network per eccellenza quando si parla di strumenti per fare personal branding a livello professionale: questa piattaforma permette infatti di portare online il proprio curriculum vitae, di riassumere le proprie competenze professionali, di ampliare il proprio network di contatti e di presentare il proprio profilo a chi sta cercando nuovi talenti. Si tratta, insomma, di uno strumento imprescindibile, da affiancare eventualmente con altre piattaforme social, come Facebook, Twitter o Instagram, in base ai propri interessi e al settore di riferimento.

4. HootSuite
Come anticipato, i social network sono molto importanti per creare e per gestire un brand personale. Ecco quindi che tra gli strumenti per fare personal branding entra di diritto anche Hoot Suite, ovvero un particolare tool online che ti permette di gestire da un’unica piattaforma fino a 5 account differenti. Il vantaggio è quindi quello di poter amministrare più social network in modo facile, rapido e coordinato, così da non rendere eccessivamente complicata la cura della propria presenza online.

5. Mention
Altro social media tool, Mention permette di monitorare una parola chiave sul web, in particolare sui social media. Si tratta di uno strumento molto utilizzato da chi si occupa di digital marketing, che può tornare estremamente utile a chi vuole costruire un personal branding solido e forte. Inserendo il proprio nome e cognome in Mention è infatti possibile individuare tutte le menzioni che sono state fatte online, così da sapere se si parla del proprio brand e soprattutto in che termini se ne parla, per avere spunti interessanti per la costruzione della propria strategia.

6. Canva
Anche l’occhio vala la sua parte. Per al creazione delle copertine per il tuo social network, per realizzare il nuovo biglietto da visita, per una presentazione da fare in azienda, a un seminario o su LinkedIn: quello che ci vuole in questo caso è uno strumento di grafica online, semplice e veloce da usare. Per questo motivo Canva rientra a tutti gli effetti tra gli strumenti per fare personal branding che consigliamo a tutti.

Vuoi migliorare il tuo personal brand? Adami & Associati offre un servizio di Business Celebrity builder per chi desidera costruire in modo efficace e rapido il proprio brand personale.

Vuoi maggiori informazioni?
I nostri consulenti sono a tua disposizione
Contattaci
  • Condividi