Selezione del personale: 6 consigli per migliorare la ricerca professionale

selezione-del-personale

La ricerca e selezione del personale

La ricerca e selezione del personale può essere un processo faticoso e lungo. La sola fase di contrattazione richiede molto tempo e risorse. Il rischio di assumere la persona sbagliata é sempre in agguato e, anche nell’ipotesi che tutto vada per il verso giusto, il tempo standard per il quale il neo assunto diventi redditizio per l’azienda é di almeno 6 mesi. Per queste ragioni, potrebbe essere utile tenere a mente i seguenti consigli prima di iniziare il prossimo processo di selezione.

1- La strategia, la missione e la visione dell’azienda
Ci sono tante aziende che in questo momento si sentono perse se alla ricerca, per esempio, di un nuovo manager. La forte tendenza verso la digitalizzazione nel mondo del lavoro, insieme alla congiuntura economica negativa che ha caratterizzato gli ultimi anni può portare alla perdita della focalizzazione degli elementi fondamentali di ogni azienda: la strategia, la missione e la visione. Se l’azienda non dispone di una strategia per la ricerca e selezione di personale,  di una missione e  visione chiara, come potrà sapere che tipo di talento sarà necessario nel suo futuro?

2- Profilo
Se il punto precedente è chiaro per l’azienda, determinare il profilo professionale da ricercare diventa molto più facile. Lasciate quei vecchi annunci di lavoro nel cassetto e uscite fuori dal vostro ufficio per contattare per esempio un’agenzia di head hunter per comunicare loro che tipo di persona veramente qualificata che possiede un certo tipo di competenze è più adatta per il vostro tipo di business.
In questa fase, sarebbe anche bene pensare alla risposta a questa domanda: “Perché qualcuno vorrebbe lavorare nella mia azienda?” In un processo di selezione del personale non è sufficiente pensare che la vostra azienda é il posto migliore per lavorare. 

3- La selezione del personale deve essere effettuata dalle persone giuste
Molto spesso, le aziende contrattano personale senza essere completamente consapevoli di ciò che stanno cercando. Una buona risorsa che può essere utile per tale proposito sono le nuove funzioni connesse alla digitalizzazione ed i social networks. Se ciò non corrisponde alle vostre esigenze, chiedete consulenza esterna; gli head hunter, o “cacciatori di teste” sono figure competenti altamente specializzate per ricercare i migliori profili professionali presenti sul mercato. Il loro compito non è solo la selezione del personale, ma dare consulenza alle aziende per definire un profilo professionale determinato e appropriato alle vostre esigenze aziendali.
Non comprendendo pienamente il profilo e lo scopo del lavoro stesso, la decisione di assunzione si può basare semplicemente sulla personalità del candidato.

4- Controllare le referenze (non solo quelle standard) 
Le referenze “standard”, vale a dire, quelli che si possono trovare comunemente nei curricula dei candidati non sempre possono fornire un grande valore aggiunto nel processo di selezione. Una buona idea sarebbe quella di entrare in contatto direttamente con alcuni ex superiori e colleghi. L’informazione che si otterrà sarà molto più veritiera, preziosa e utile.

5- Valutazione della personalità e dell’attitudine
Uno dei maggiori problemi nelle assunzioni in generale é che di frequente la decisione finale dei processi di selezione del personale si basa su appena pochi colloqui (spesso svolti in modo rapido e superficiale) e, nei casi peggiori, solo sul parere personale di un individuo. Oggi la tecnologia mette a disposizione parecchie risorse, ed Internet è una fonte ricca per attingere a test di personalità, attitudine e abilità di qualità abbastanza buona, i cui risultati possono aiutare a rilevare alcuni aspetti interessanti che non si sono potuti cogliere nel corso dei colloqui, per esempio, in relazione ai metodi di lavoro, il lavorare sotto pressione, ecc. 
In realtà, l’uso dei test, dovrebbe essere solo di appoggio alla decisione, non determinare la stessa. 

6- Presenza digitale
Si consiglia sempre utilizzare Google, i social media, ecc. per trovare quante più informazioni possibili. La presenza digitale dice molto su noi stessi, quindi sarebbe utile tenerne conto nel corso del processo di selezione.
Nel mondo online, le aziende sono in grado di ottenere alcune informazioni utili o almeno conoscere i loro candidati un po ‘meglio, al fine di conseguire un quadro più completo che possa sostenere la decisione finale.

Dai la giusta importanza all’esperienza: affida ad Adami & Associati la tua ricerca di personale qualificato.

  • Condividi