Chi è il Responsabile di produzione? Qual è il suo ruolo?

09/09/2019 | Management
responsabile-di-produzione

Tra le figure più importanti all’interno di un contesto aziendale c’è sicuramente il Responsabile di produzione, detto anche Production Manager. Le sue mansioni sono molteplici e spaziano dal coordinamento dei reparti alla selezione e formazione del personale, passando per la gestione del budget e la messa a punto di specifiche strategie di sviluppo. Lo scopo di ogni sua azione è quello di portare l’impresa a massimizzare il profitto e la qualità dei prodotti venduti.
Il Responsabile di produzione lavora presso stabilimenti, fabbriche e impianti produttivi, appartenenti a diversi settori; il suo compito è quello di dirigere e coordinare ogni attività relativa alla produzione. I prodotti  possono essere di varie tipologie, dalle autovetture all’abbigliamento, dagli apparecchi tecnologici ai prodotti per bambini, e tanto altro.

Come opera il Responsabile di produzione?

Come abbiamo già detto il Production Manager ha il compito di gestire un budget, messo a disposizione dall’azienda per l’acquisto delle materie prime, per coprire i costi di produzione, per gli stipendi degli impiegati e per gli eventuali interventi di manutenzione sui macchinari, allo scopo di raggiungere gli obiettivi stabiliti dalla società.
In proposito, questa figura deve valutare attentamente tutti i parametri relativi alla produzione, i cosiddetti KPI o indicatori di performance, dai quali si ottengono dei risultati che vengono analizzati assieme al management. Quantità dei prodotti, qualità delle materie prime e tempistiche sono i fattori che vengono  monitorati con attenzione al fine di prevenire eventuali flessioni degli utili aziendali.
Inoltre, il Responsabile di produzione ha il compito di valutare se sia necessario assumere nuovi impiegati, monitora il lavoro dei singoli operai e quello del reparto in un’ottica di insieme, fa in modo che tutti conoscano le normative di sicurezza e che indossino gli appositi sistemi di protezione. Infine, pianifica eventuali straordinari e mette a punto programmi di bonus e premi di produzione in base al rendimento dei dipendenti.

Come si diventa Responsabile di produzione?

Gli anni di esperienza in azienda e una adeguata preparazione sono sicuramente di fondamentale importanza per coloro che vogliono intraprendere una carriera come Production Manager. Un buon Responsabile di produzione deve:

  • sapersi relazionare con i dipendenti, con i colleghi e con il management aziendale;
  • coordinare tutto ciò che riguarda il comparto della logistica, degli acquisti, della manutenzione dei macchinari;
  • risolvere le problematiche in maniera tempestiva, lavorare su turni ed essere flessibile in caso di straordinari;
  • saper gestire lo stress e motivare gli impiegati.

 

A livello di formazione molto dipende dal settore produttivo interessato. Una laurea in Ingegneria, Economia e Gestione d’impresa o Tecnologie Alimentari consentono di raggiungere la posizione in modo più rapido. Tuttavia in alcuni casi può essere sufficiente un diploma ad indirizzo tecnico: anche chi inizia come operaio semplice o come assistente del Responsabile in carica può ambire a ricoprire questo ruolo, dopo aver frequentato dei corsi di specializzazione.

Lo stipendio di un Production Manager può variare da un minimo di 45.000 euro annui, per i professionisti alle prime armi, fino ai 70.000-80.000 euro all’anno, per le figure più esperte.

Vuoi maggiori informazioni?

I nostri consulenti sono a tua disposizione
Contattaci
  • Condividi