Personal Branding: ecco come farsi scegliere da un’agenzia di ricerca del personale

ricerca e selezione di personale qualificato

Come potete promuovere il vostro personal brand?

Negli ultimi due decenni i processi di ricerca del personale sono mutati drasticamente: un tempo, per avere buone probabilità di partecipare ad un colloquio di lavoro, era sufficiente mandare un curriculum rispettabile. Al giorno d’oggi, invece, per trovare il lavoro dei vostri sogni, non è più sufficiente elencare le vostre esperienze lavorative e le vostre competenze in un semplice curriculum vitae. In una qualsiasi agenzia di ricerca del personale esistono infatti montagne di curriculum uno uguale all’altro, redatti magari con tutto l’impegno possibile, ma senza quella passione, senza quell’alito di vitalità che potrebbe davvero fare la differenza. Per catturare l’attenzione dei cacciatori di teste i candidati devono puntare a svettare sopra a tutti gli altri: è una questione di titoli, di esperienza professionale, di competenze, ma non solo.

Al momento della presentazione del vostro curriculum, per fare il classico passo in più, è dunque necessario puntare sulla promozione del vostro personal brand: in questi termini, quindi, i candidati devono imparare a promuovere la propria immagine, sottolineando tutte le ragioni per le quali un’agenzia di ricerca del personale dovrebbe preferirli a tutti gli altri.

E voi, sapete quali sono i vostri punti di forza? Quali sono le vostre caratteristiche vincenti? Pensateci per qualche minuto, e scrivetele nero su bianco. E poi, ovviamente, riprendete la lettura: quelle parole scarabocchiate sono solamente la base per costruire il vostro personal brand in modo vincente.

L’elemento chiave del personal storytelling: la lettera di presentazione

Per promuovere il vostro personal brand agli occhi di un’agenzia di ricerca del personale, come anticipato, un semplice curriculum vitae non è sufficiente. Quella che ci vuole è invece una lettera di presentazione ben fatta, in grado di contestualizzare tutte le vostre esperienze e i traguardi passati. Non si tratta dunque di snocciolare un elenco statico della vostre occupazioni passate e dei vostri titoli accademici – per quello, infatti, c’è già il curriculum.

Bisogna invece puntare ad uno storytelling appassionante, in grado di narrare nel modo più coinvolgente possibile quel puzzle che è stata la vostra vita lavorativa fino a quel momento. È importantissimo, dunque, spiegare tutti i legami tra le attività che avete svolto, sottolineando – pur senza esagerare – le competenze che avete maturato in ogni singolo passaggio. In questo modo, i vostri punti di forza non saranno più delle mere affermazioni a sé stanti: verranno invece inseriti in una visione più ampia della vostra figura professionale.

Se, per esempio, ritenete di avere delle ottime capacità di ‘problem solving’, la lettera di presentazione è il primo luogo in cui potete darne prova, raccontando in forma sintetica i motivi del vostro successo in questo specifico campo.

Raccontare la propria storia

L’obiettivo del personal storytelling è quello di raccontare sé stessi attraverso delle narrazioni non banali, abbandonando gli stereotipi, per conquistare l’attenzione e l’interesse chi si troverà a leggere quella storia: un potenziale datore di lavoro, o un’agenzia di ricerca del personale. Mettere nero su bianco il vostro personal brand, ovvero scrivere una lettera di presentazione vincente, non è dunque un’operazione da prendere alla leggera: essa può infatti essere uno strumento potentissimo, se fatta bene.

Se fatta male, invece, non solo non può portare ai risultati sperati, ma peggio ancora: può rovinare la storia più importante, ovvero la vostra. È dunque importantissimo non esagerare e soprattutto essere onesti, dalla prima parola all’ultima. Raccontare la vostra storia, infatti, non significa costruire un personaggio di fantasia.

La tentazione, ovviamente, è spesso quella di puntare a distinguersi ad ogni costo, ma bisogna tenere sempre in mente che un’agenzia di ricerca del personale, al momento dell’eventuale colloquio, scoprirà le vostre gonfiature: essere se stessi, ed essere coerenti, dunque, premia sempre.

Un’agenzia di ricerca del personale non si ferma alla lettera di presentazione

L’operazione di personal storytelling e di costruzione del personal brand non si esaurisce però nella sola redazione della lettera di presentazione. Un’agenzia di ricerca del personale, del resto,  non si limita ad analizzare il curriculum vitae e la sua lettera di accompagnamento: per valutare la vostra figura potranno infatti essere visualizzate anche le vostre pagine sui principali social network, quindi Facebook, Twitter e ovviamente Linkedin.

Grazie alla rete, al giorno d’oggi chi si occupa di selezione del personale ha moltissime armi in più, ma quegli stessi strumenti possono essere sfruttati a proprio vantaggio anche dai candidati . Un mantra che non dovete dimenticare mai, dunque, è quello di pensare due, tre volte prima di pubblicare qualcosa sulle vostre pagine social: quel post potrebbe essere visto non solo dai vostri amici, ma anche da un ipotetico recruiter.

La costruzione del vostro personal brand passa quindi anche attraverso la vostra presenza in rete, la quale deve essere idonea con la professione o il settore nel quale volete fare carriera. Se dunque il racconto della vostra figura professionale deve essere uniforme e coerente, i canali attraverso il quale costruirlo sono moltissimi: la lettera di presentazione, in questo senso, può essere solo l’ultimo capitolo di una storia in continuo aggiornamento, scritta sui social e perché no, anche su un blog personale.

I nostri consigli

Riassumendo, dunque, ecco i nostri consigli per un personal branding in grado di catturare l’attenzione di un’agenzia di ricerca del personale:

  • Prima di tutto, riflettete sui vostri punti di forza: sono queste le risorse sulle quali potrete costruire il vostro futuro professionale;

  • Non presentate mai un curriculum vitae senza l’accompagnamento di una lettera di presentazione;

  • Organizzate la vostra storia in capitoli sintetici, dividendola per tipo di lavoro, per periodo o per azienda;

  • Pensate a tutti i ruoli che avete ricoperto e sottolineate per ognuno i vostri traguardi professionali;

  • Considerate ogni vostra mansione passata e collegatela con tutte le skill che intendete presentare all’attenzione dell’agenzia di ricerca del personale;

  • Nella lettera di presentazione, offrite degli esempi concreti che possano dimostrare le vostre capacità;

  • Coltivate il vostro personal storytelling giorno per giorno, sfruttando tutti i canali a vostra disposizione;

  • Ponete un’attenzione particolare alla vostra presenza in rete: la vostra immagine sui social non deve essere completamente diversa da quella che traspare dalla vostra storytelling;

  • Siate sempre onesti, coerenti e consapevoli delle vostre potenzialità.

 

Volete una mano nella stesura del vostro curriculum vitae per dare il via al restyling del vostro personal brand? Lo sapevate che la nostra agenzia di ricerca del personale offre anche un servizio di consulenza curriculum vitae?

  • Condividi