I nostri consigli per una ricerca di lavoro vincente

ricerca di lavoro

Ricerca di lavoro: ecco come affrontarla

Esiste un unico, grandioso errore capitale che spesso viene commesso da chi inizia la propria ricerca di lavoro: considerare questa azione come un momento, e non come un processo. Una carriera lavorativa non migliora infatti in un batter d’occhio, se non i casi molto rari ed estremamente fortunati. La ricerca di lavoro è al contrario un procedimento lungo, talvolta irto di ostacoli e frustrazioni.

Ma non deve essere per forza così. Se infatti nella maggior parte dei casi qualche piccola delusione è inevitabile, se affrontata fin dall’inizio con una strategia vincente, una ricerca di lavoro può puntare dritta all’obiettivo senza necessariamente passare per momenti di avvilimento e sconforto. Come si può impostare dunque il percorso che può portare ognuno di voi a migliorare concretamente la propria carriera raggiungendo una nuova e più appagante posizione lavorativa? Ecco i nostri preziosi suggerimenti per una ricerca di lavoro vincente.

Organizzazione prima di tutto

Nessuna candidatura deve essere mandata a caso. La vostra ricerca del lavoro deve essere strutturata secondo tappe precise e impostata seguendo uno schema prestabilito. Avere una scaletta settimanale, oltre a rendere il processo più efficiente, vi aiuterà inoltre a evitare i classici momenti di frustrazione: il fatto di avere sempre chiare in mente le mosse successive, infatti, elimina automaticamente lo sconforto del ‘non sapere che pesci pigliare’. Per tutti questi motivi, una programmazione dettagliata delle candidature fatte e di quelle da fare e un orario quotidiano per controllare gli annunci possono davvero rendere una ricerca agevole ed efficace. Del resto anche quelli che stanno dall’altra parte della barricata, ovvero i cacciatori di teste che si occupano della ricerca e della selezione del personale, programmano ogni singolo passaggio!

La conoscenza è potere, ovvero: il networking è indispensabile

All’epicentro della vostra ricerca di lavoro ci siete voi, ma questo non significa che non possiate contare su un aiuto esterno. Una società per la ricerca del personale può fare ovviamente al caso vostro, ma anche coltivare un network professionale può fare la differenza. Per quanto la rete possa infatti aiutarvi nel trovare la maggior parte degli annunci disponibili, è anche vero che qualcuno della vostra cerchia può venire a conoscenza di una particolare posizione aperta a voi sconosciuta. O ancora meglio: è possibile che grazie alla vostra attività di networking possiate entrare in contatto con i responsabili delle risorse umane di aziende che assumono, per magari scoprire l’esistenza di posizioni lavorative che si apriranno da lì a poco. E questi sono solamente alcuni dei vantaggi del networking: maggiore sarà il numero dei vostri contatti, più probabilità avrete di raggiungere il vostro lavoro ideale.

Curare la propria presenza in rete

Come voi effettuate la vostra ricerca di lavoro attraverso la rete, così gli head hunter e le aziende di selezione del personale utilizzano il web per carpire informazioni sul vostro conto. Per questo è essenziale controllare i risultati che i motori di ricerca mostrano una volta inserito il vostro nome. Facebook e Twitter non sono solo un modo per restare in contatto con i vostri amici e parenti, e non devono essere in nessun caso la vostra valvola di sfogo: eliminate dunque eventuali post compromettenti e guardate i vostri profili attraverso gli occhi del vostro prossimo datore di lavoro. Un’attenzione particolare, invece, va riservata a LinkedIn, sempre più utilizzato da entrambi i lati del recruitment.

Conoscere se stessi

Ancor prima di avviare una ricerca di lavoro può essere utile effettuare un piccolo esame di auto-coscienza: l’obiettivo è quello di comprendere i vostri punti di forza, le vostre motivazioni più intime e le vostre competenze. Essere consapevoli delle vostre potenzialità e dei vostri limiti vi può aiutare a sottolineare i vostri pregi e a smussare i vostri difetti, e soprattutto a puntare alla posizione lavorativa più adatta alle vostre esigenze.

Per la centesima volta, un buon curriculum nei posti giusti

Sembra banale, soprattutto perché è stato ripetuto mille volte ai quattro venti: per una ricerca di lavoro efficace è imperativo preparare un curriculum vitae impeccabile, chiaro e onesto. Una volta delineata la vostra carriera desiderata seguendo le vostre caratteristiche, inoltre, è possibile realizzare un curriculum in grado di esaltare le vostre capacità che puntano in quella direzione. Ma non è tutto qui: una volta redatto il proprio curriculum, questo non va spedito a casaccio. È invece più opportuno rispondere solo agli annunci allineati al vostro profilo: in questo modo, evitando di spammare senza pietà le vostre candidature, non sprecherete né il vostro tempo né quello delle aziende alla ricerca di personale.

Il sorriso, sempre

Questo è probabilmente uno dei punti più difficili da mettere in pratica, eppure è importantissimo: mantenere un’attitudine positiva vi può aiutare a condurre una ricerca del lavoro vincente. Non basta presentarsi sorridenti ai colloqui di lavoro; bisogna invece restare positivi in ogni istante della vostra ricerca, cercando di trarre una lezione per il futuro da ogni bocciatura, così da affrontare tutte le sfide successive con fiducia e motivazione.

Gli attori in gioco sono due

Le aziende assumono solo i migliori candidati, e d’altra parte questi ultimi possono decidere di offrire la propria professionalità unicamente alle migliori imprese. Da questo punto di vista, si può comprendere come non sia sufficiente aspettare che il lavoro dei vostri sogni bussi alla vostra porta. Sta invece a voi scegliere le aziende alle quali inviare la vostra candidatura, studiandone la storia, cercando di carpirne i valori e la cultura. In questo modo, un eventuale colloquio potrà trasformarsi da un interrogatorio ad un dialogo costruttivo tra due parti interessate e informate.

L’aiuto di un consulente specializzato

Come potete intuire, dunque, la ricerca del lavoro ideale può essere appassionante, ma anche lunga e impegnativa. Per questo motivo, e per il fatto che le migliori aziende tendono ad affidarsi all’aiuto di capaci cacciatori di teste e di agenzie per la ricerca del personale, appoggiarvi all’esperienza e alle conoscenze di un consulente specializzato nel recruitment professionale può sicuramente semplificarvi la vita e aiutarvi nel raggiungere il vostro traguardo.

L’importanza del primo contatto

Conoscere se stessi, organizzarsi, fare networking, curare la propria presenza in rete, scrivere un buon curriculum, essere positivi, studiare l’azienda: tutte queste accortezze possono andare in fumo se ci si lascia perdere l’occasione di fare una buona impressione già al primo contatto. Se un’azienda o un head hunter vi chiama, saranno i due minuti successivi a far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra: in quei pochi secondi dovete dimostrare disponibilità, motivazione e serietà. Insomma: la prima impressione, in alcuni casi, è davvero quella che conta. Soprattutto se è brutta.

Volete dare il meglio di voi in vista delle prossime prove di ricerca del personale? Affidatevi al nostro servizio di consulenza alla carriera!

  • Condividi