10 consigli per migliorare il tuo speech

03/07/2020 | Public Speaking
migliorare il tuo speech

Le aziende cercano talenti in grado di comunicare al meglio, capaci di creare una narrazione convincente, efficace e d’impatto. Per questo motivo gli head hunter tengono in alta considerazione le competenze in fatto di public speaking dei vari candidati: per affrontare al meglio conferenze stampa, convention, keynote, ma anche presentazioni interne, riunioni e lanci di nuovi prodotti e di nuovi servizi. In tutti questi casi, l’azienda deve poter contare su dei collaboratori in grado di presentare degli speech chiari, coinvolgenti e credibili. Sei convinto che il public speaking rappresenti un fattore cruciale per il tuo successo professionale? Sei nel giusto: per questo oggi vogliamo proporti 10 preziosi consigli per migliorare il tuo prossimo speech.

Come migliorare il tuo speech: 10 consigli per il public speaking

Esistono decine e decine di consigli diversi che potremmo darti per migliorare il tuo speech, in relazione alle tempistiche, alla posizione, alla respirazione, alla gestualità, alle parole da usare, alla strutturazione del discorso, allo sguardo, al supporto cartaceo, al supporto multimediale, al tono di voce, alla preparazione e via dicendo. Qui abbiamo dunque voluto fare una selezione di quelli che a nostro avviso – e soprattutto in accordo con i nostri speech coach – sono i principali e fondamentali consigli per migliorare il tuo speech.

1- Non improvvisare

Per migliorare il tuo speech il primo passo fondamentale è quello di cancellare l’ipotesi improvvisazione. Certo, i migliori oratori sono quelli che, di fronte al pubblico, si mostrano in grado di improvvisare, e che anzi sembrano arrivare sul palco senza aver nessuna traccia da seguire. Ma non è affatto così: i migliori speech sono quelli che sembrano improvvisati, ma che in realtà sono profondamente preparati. Chi improvvisa rischia infatti di costruire discorsi poco efficaci e poco chiari, che rischiano di annoiare il pubblico.

2- Non dire tutto

Nella maggior parte dei casi, quando si deve presentare il proprio speech, c’è sempre un sacco di roba da dire. Nel presentare un nuovo progetto, nel lanciare un prodotto, nel descrivere il proprio lavoro e via dicendo: in tutti i casi si tratta di argomenti vasti, si cui si potrebbe parlare talvolta per ore. Ma per migliorare il tuo speech devi capire che non bisogna dire tutto. Una presentazione efficace è quasi sempre una presentazione breve, costruita quindi una attenta selezione dei contenuti, lasciando perdere i dettagli più piccoli.

3- Studiare il pubblico

Per preparare il tuo prossimo speech al meglio devi tenere in considerazione una delle principali regole del public speaking: conosci il tuo pubblico. Da chi sarà composta la piccola o grande platea verso la quale ti rivolgerai? Parliamo dei tuoi colleghi? Di potenziali clienti? Di esperti del tuo settore? É assolutamente fondamentale capire chi è il proprio target, quali sono le sue competenze in materia, quali sono i suoi moventi, quali i sui interessi. Solo in questo modo si potrà infatti confezionare un discorso davvero efficace.

4- Utilizzare un supporto visivo

Nella maggior parte dei casi, nella gran parte parte delle situazioni, è possibile utilizzare un supporto visivo per accompagnare le proprie parole. In questo modo, con dei grafici, delle slides o altri materiali visivi, si potrà dare un duplice stimolo al pubblico, per comunicare il proprio messaggio in modo più efficace, riducendo le probabilità di perdere la propria audience a metà strada.

5- Sottolineare i vantaggi per gli ascoltatori

Perché il pubblico dovrebbe ascoltare le tue parole? Perché i tuoi colleghi dovrebbero prestare particolare attenzione alla presentazione del tuo progetto? E perché i clienti dovrebbero drizzare le orecchie durante il lancio del nuovo servizio dell’azienda? Di fatto, è questo che il pubblico cerca mentre tu parli: cosa c’è di buono per lui? Una buona tecnica per avere un pubblico attento e soddisfatto è dunque quella di mettere ben in chiaro quelli che sono i vantaggi per chi ascolta.

6- Non perdere di vista il punto di arrivo

Ogni discorso deve avere un obiettivo, una tesi, un punto cruciale, un motivo d’essere. Il problema è che spesso chi non è molto pratico di public speaking tende a perdere di vista l’obiettivo del discorso, dilungandosi in digressioni, spiegazioni, anticipazioni e altro, magari per dimostrare al pubblico la propria competenza. É sbagliato: il discorso migliore è quello che, senza tante giravolte, arriva dritto al punto.

7- L’entusiasmo aiuta

Ci sono tante persone che, pur avendo degli ottimi contenuti, e pur strutturando in modo efficace il discorso, finiscono per presentare dei discorsi poco mordenti, che non riescono a interessare il pubblico. Spesso il problema è la freddezza della presentazione: chi si pone in modo eccessivamente distaccato rischia infatti di dare l’impressione di avere poco a cuore l’argomento trattato, e di non credere nelle proprie parole. Per questo motivo, quando si parla in pubblico – e non solo – è fondamentale dimostrarsi entusiasti.

8- Occhio alla comunicazione non verbale e paraverbale

Il movimento e la posizione delle mani, il sorriso, la mimica facciale, il volume e il tono della voce, l’espressione del viso, la gestualità, il movimento del capo, la postura nel suo complesso: oltre alla comunicazione verbale esistono anche quella non verbale e quella paraverbale. É necessario fare attenzione anche a questi aspetti del proprio discorso. I primi consigli fondamentali per migliorare il tuo speech, in tal senso, sono: ricordati di sorridere e controlla il movimento delle mani.

9- Creare un dialogo

Uno speech non deve essere un discorso fatto di fronte a un muro. É necessario prendere in considerazione il pubblico, e costruire il discorso in base a esso. Questo significa che è possibile in certi casi imbastire un vero e proprio dialogo con gli ascoltatori, ma anche che è d’obbligo osservare le reazioni del pubblico, e reagire nel modo giusto quando questo si mostra particolarmente interessato oppure, al contrario, decisamente annoiato.

10- Sorprendere gli ascoltatori

Soprattutto quando si parla a delle persone che hanno già delle competenze relative al tema trattato, il rischio è quello di perdere la loro attenzione nel momento in cui si espongono delle informazioni a loro molto familiari. Il trucco in questo caso è inserire delle piccole sorprese per il pubblico, in modo da stupirlo e da mantenerlo sveglio.

Questi sono solamente alcuni dei principali consigli per migliorare il tuo speech: per padroneggiare alla perfezione l’arte del public speaking è necessario prepararsi al meglio, fare tanta esperienza e riuscire a sconfiggere le proprie paure. In questo possono aiutarti i nostri speech coach: scopri cosa possono fare per te i nostri esperti in public speaking!

Vuoi maggiori informazioni?
I nostri consulenti sono a tua disposizione
Contattaci
  • Condividi