Meccatronica: il mondo del lavoro sperimenta nuove strade

13/05/2017
Meccatronica

Intervista al Dott. Zaltieri, CEO di Mechatronics Labs, azienda che unisce tecnologie, competenze specializzate e multidisciplinari, creando così un Network innovativo e tecnologico sempre più completo, capace di rispondere a qualsiasi richiesta di natura meccatronica. La Mission dell’azienda è diffondere  innovazione e tecnologia versatile e adattabile a diverse applicazioni e ambiti.

Come, a suo parere, il panorama italiano si sta muovendo verso questo settore della meccatronica?

Per Mechatronics Labs si tratta di una materia molto ampia, ma in Italia al momento si sofferma troppo su due discipline particolari e molto tecniche: robotica e automazione. È vista in maniera abbastanza statica, anche se la situazione sta leggermente migliorando, con la creazione di fiere e forum specializzati che si stanno aggiornando ai tempi.

In realtà è un tema molto più esteso: all’estero infatti viene definito in maniera più approfondita, perché va a comprendere tutto quello che ruota intorno al prodotto, che si porta dietro diverse aree di competenza oltre alle tre dimensioni sopra citate: design, imballaggi, …

 

Quali sono dal suo punto di vista le caratteristiche più importanti che un candidato deve possedere per affermarsi nell’ambito della meccatronica?

Essenziali sono la passione per il settore e la voglia di apprendere nuove conoscenze. I candidati che si “fossilizzano” sempre sulle stesse competenze e non sono tentati dallo sperimentare il “nuovo” non sono all’avanguardia, come invece richiede il settore. Si riesce ad imparare qualcosa di nuovo anche passando da progetto a progetto. Occorre avere larghe vedute e non soffermarsi su un unico tema.

 
Altre caratteristiche importanti saranno la capacità di dialogo e di lavoro in gruppo, l’adattabilità ai mutevoli contesti del mercato: ovviamente mi auguro di ricevere candidati con notevoli competenze tecniche, ma non mi aspetto di trovare profili che sappiano già tutto, perché, per quanto un individuo possa essere dotato dal punto di vista delle hard skills, molto si apprende sul campo. 

Allora se si è alla ricerca di un candidato con competenze “fuori dal comune” può essere conveniente rivolgersi ad un consulente esterno: dopo due o tre collaborazioni avremo appreso da lui quanto necessario e potremo svolgere il nostro lavoro in autonomia e formando i lavoratori appartenenti alla nostra struttura.

In un settore come il vostro quanto ritenete importante l’innovazione tecnologica e l’aggiornamento continuo delle competenze?

L’importanza che attribuiamo all’innovazione è enorme ed è stato il filo conduttore della nostra intervista. L’aggiornamento   delle competenze avviene di , anche da progetto a progetto, andando a ricercare quale sarà la soluzione tecnologica di ultima generazione, senza contare che all’interno dello stesso progetto possono cambiare le tecnologie.

La Meccatronica è una disciplina di ultima generazione. Come gestite i percorsi di formazione dedicati ai vostri dipendenti?

Il presupposto fondamentale è che la formazione avviene principalmente on the job, sul campo. L’aggiornamento delle competenze può avvenire attraverso la partecipazione ad eventi, fiere, workshop proposti nel nostro ambiente, spesso dalle case madri produttrici. Nella nostra azienda non avvengono ancora percorsi di formazione in senso stretto, anche se ci stiamo muovendo in tal senso.
Al momento svolgiamo corsi presso partner e fornitori. Può avvenire spesso che nostri esperti si prestino a momenti di approfondimento dedicati ai nostri tecnici.

 Inoltre, in un settore come il nostro, anche semplici incontri informali possono dare luogo a momenti di formazione: il confronto tra membri dello stesso ambito professionale è fondamentale. 

Penso agli incontri organizzati dal Distretto Monza – Brianza, o dalle associazioni: sono tutti eventi utili per capire come si sta muovendo il settore e che creano rete e, di conseguenza, capitale sociale e umano.

In Italia la meccatronica è una disciplina ancora poco conosciuta. In un contesto del genere, come nasce Mechatronics Labs?

La nostra azienda nasce dall’esperienza che abbiamo nel tempo accumulato nella progettazione dei sistemi e prodotti nel mondo industriale, accompagnata da un’idea: perché non offrire la nostra esperienza come un servizio e non solo con uno specifico prodotto? Nasciamo quindi con l’idea di offrire un servizio a terzi, anche con l’idea di aumentare l’apprendimento tecnologico della nostra realtà. Così abbiamo infatti raccolto diverse esperienze che ci hanno portato ad accrescere il nostro capitale umano e a creare una realtà molto strutturata come siamo ora.

Quali sono i fattori che generano un vantaggio competitivo per la vostra azienda?

Sicuramente la qualità dei nostri prodotti, derivante da un notevole sforzo operato da parte nostra, magari a discapito delle tempistiche, per il momento.
Inoltre possediamo un’ottima capacità di problem solving perché abbiamo una visione molto diretta ed orientata alla soluzione dei problemi.

Non ci siamo focalizzati su un ambito specifico. Aiutiamo i nostri clienti in merito a tutte le problematiche di mercato che si trovano ad affrontare, a 360°, e questo ci aiuta ad avere un vantaggio competitivo sul mercato. 
Durante la fase di progettazione dei nostri prodotti teniamo sempre conto dello stato attuale dell’industrializzazione e puntiamo sempre sulla realizzabilità degli stessi.

Il vostro core business è orientato sulla multidisciplinarietà: quali sono i settori dove possono essere impiegati maggiormente i vostri prodotti?

L’applicabilità nel nostro core business a diversi settori costituisce proprio il nostro modus operandi e quello che ci consente di avere un valore aggiunto, anche se ci sono ovviamente settori trainanti come quello industriale e biomedicale.

Un altro ambito in cui ultimamente stiamo avendo ottimi risultati è quello sportivo (con funzioni molto specifiche che stanno aprendo diverse possibilità). Ma i nostri prodotti sono compatibili con diversi settori, a seconda delle esigenze e delle condizioni tecnologiche dell’ambito di riferimento. Dipende quindi dal mercato e dalla clientela, cui cerchiamo sempre di adattarci per offrire un servizio migliore.

In funzione del mercato e di quali settori investono di più, abbiamo riscontrato che alcuni di quest’ultimi rischiano inevitabilmente di rimanere esclusi.

Ad esempio, oggi notiamo difficoltà a entrare nel settore dell’ home e building automation, dove gli investimenti sono ridotti a tal punto che la clientela cerca prevalentemente soluzioni finite già pronte e non progetti ad hoc per un nuovo prodotto.

Basandoci sulla vostre aree di competenza, come si articola il servizio che offrite ai vostri clienti? 

Forniamo un servizio completo ai nostri clienti che si articola in:

Progettazione:  servizio di ingegneria per il completo sviluppo di progetti meccatronici, elettronici e meccanici;


Prototipazione: realizzazione di prototipi che rappresenta una fase di sperimentazione e test;


Gestione diretta della produzione: avviene tramite il coordinamento e la collaborazione tra i nostri professionisti e i nostri partner, con cui teniamo rapporti consolidati. In questa fase il nostro cliente e si interfaccia con un unico interlocutore e questo gli trasmette sicurezza e affidabilità;


Procurement: gestione integrale, in nome e per conto del cliente, di tutte le problematiche legate agli aspetti legali, contrattuali;


Consulenza: mettiamo a disposizione i nostri punti di forza per far sì che i nostri clienti abbiano un supporto continuo in tutto quello che riguarda le nostre aree di competenza;


Temporary Management: i nostri senior manager sono a disposizione per assumere incarichi temporanei per svolgere funzioni aziendali e manageriali presso i clienti. È un servizio nato soprattutto per quelle aziende mono – disciplinari che vogliono differenziarsi dalla concorrenza integrando nel proprio core business tecnologie esterne e non proprietarie.

Le nostre aree di competenza fondamentali riguardano soprattutto la meccanica, la cinematica, il mondo della comunicazione (e Wi – Fi), i protocolli in generale (con una branchia molto specifica legata alla sensoristica, con rilevazione di big data sul campo). Sempre più attività si stanno dirigendo verso il cloud, che è un po’ quello che sta trainando il mondo verso l’industria 4.0.

Abbiamo una squadra di hardwaristisoftwaristi e firmwaristi specializzati, e ognuno di questi ambiti porta con sé le proprie skills. Tutte le aree di nostra competenza racchiudono all’interno queste tre dimensioni fondamentali. Abbiamo un team tecnico specializzato che va ad affrontare ognuna delle aree tematiche che vengono in qualche modo “toccate” dalle tre dimensioni.

Sei interessato al mondo della meccatronica e hai le competenze giuste per dire la tua in questo settore? Cerca tra le nostri posizione aperte!

  • Condividi