Digital Manufacturing: le nuove professioni del manifatturiero

25/02/2019 | Manifatturiero
Digital-Manufacturing

L’Internet of Things. La stampa 3D. L’e-Manufacturing. L’intelligenza artificiale. Il machine learning. Tutto questo – e molto altro – forma il Digital Manufacturing, una dimensione produttiva rivoluzionaria che è al centro del concetto stesso di Industria 4.0. Come è ormai noto, con il termine Digital Manufacturing si fa riferimento a tutte le nuove tecnologie digitali impiegate nella produzione di oggetti, sia nel caso delle industrie manifatturiere che operano su grande scala che nel caso dei piccoli laboratori artigianali.

Inseguire il Digital Manufacturing vuol dire andare incontro alle cosiddette Smart Factory, e quindi agli stabilimenti produttivi del futuro. Ma affinché ciò possa accadere, affinché la quarta rivoluzione industriale possa davvero avere luogo, non bastano le nuove tecnologie e i nuovi strumenti. Come ben sanno i cacciatori di teste specializzati della selezione di personale per il settore manifatturiero, è necessario che, insieme all’infrastruttura, evolva anche la forza lavoro.

In taluni casi si tratta di inserire nuove figure, nuovi profili, così da introdurre direttamente le nuove competenze necessarie. Altre volte, invece, si tratta di ridefinire alcuni lavori ‘tradizionali’. Questa quarta rivoluzione industriale, infatti, è in tanti casi – ancor prima di un’evoluzione – un’ibridazione di competenze, che richiede dunque ai professionisti di ripensare ai propri confini. E questo vale sia per le realtà più grandi che per quelle più piccole. Si pensi per esempio all’artigiano, che è chiamato a reinterpretare la propria attività in chiave digitale, sfruttando cioè a proprio vantaggio nuove tecnologie come la sensoristica, la stampa tridimensionale, l’analisi dei Big Data e via dicendo.

Quali sono, dunque, i ruoli emergenti nel settore manifatturiero, in piena rivoluzione digitale?

Digital Manufacturing: le professioni emergenti e sempre più importanti

Chief Digital Officer

L’esperto di trasformazione digitale per eccellenza: il CDO è tra le figure più ricercate dalle aziende del manifatturiero – e non solo La sua responsabilità principale è quella di guidare il processo di trasformazione digitale dell’azienda, e per questo motivo, a fianco di precise competenze digitali, deve poter vantare un’ottima conoscenza dei processi aziendali. In un processo di ricerca e di selezione di un Chief Digital Officer, dunque, è di primaria importanza individuare un candidato con skills legate all’ICT e al management d’impresa, in grado di individuare le principali aree d’intervento per implementare le nuove soluzioni digitali.

Digital Manufaturnig Engineer

L’ingegnere digitale è la figura deputata a trasformare la visione dello Chief Digital Officer in realtà. Il suo è dunque un ruolo di grande responsabilità, essendo chiamato a modellare lo stabilimento del futuro attraverso l’integrazione di nuove tecnologie manifatturiere, come per esempio la stampa tridimensionale. Obiettivo del Digital Manufacturing Engineer è quello di aumentare l’efficienza dell’azienda riducendo al minimo gli errori. Come ben sanno i cacciatori di teste specializzati nel settore manifatturiero, per ricoprire questo ruolo è necessario un candidato che conta, oltre a fondamentali competenze IT e analitiche, anche delle precise soft skills, come problem solving, teamworking e commercial awareness

Digital Factory Automation Engineer

Il futuro dell’industria è l’automazione: si prevede che nei prossimi vent’anni circa un terzo dei lavoratori vedrà mutare le proprie mansioni proprio per via dell’automazione. Ma questi processi, ovviamente, non si possono né avviare né gestire da soli: ecco dunque che diventa centrale la figura del Digital Factory Automation Engineer, al quale spetta il compito di aggiornare i sistemi produttivi automatizzando – laddove possibile – le attività meccaniche, così da ottimizzare i costi e da rendere accessibili le informazioni sulla produzione in tempo reale.

Queste sono ovviamente solamene alcune delle nuove figure chiave nel panorama del Digital Manufacturing. Quel che è certo è che gli insediamenti produttivi non hanno più bisogno di legioni di impiegati in possesso di un’unica competenza fondamentale. L’ingresso e la diffusione delle nuove tecnologie digitali mette in luce la necessità di assumere figure in possesso di un ampio range di skills, dalle competenze IT al management. Diventa dunque fondamentale poter fare affidamento su degli head hunter specializzati nella selezione di personale per il settore manifatturiero.

 

Vuoi maggiori informazioni?

I nostri consulenti sono a tua disposizione
Contattaci
  • Condividi